FRAMMENTI DA AMPHIPOLIS
Giancarlo Rossini

…La lettura dello spazio dove si svolgono i fatti non ha posto problemi.
È un fazzoletto di terra stretto tra il mare e le Alpi Apuane. A oriente lo limita il corso d’acqua del Cinquale, a occidente il ume Magra. Un mondo minuscolo, idealmente raccolto attorno alla città di Massa (la Città dipinta), con la rocca, il Palazzo Ducale, il duomo e il liceo classico Pellegrino Rossi. Sui monti di quella città, sul lido invernale della marina, ho imparato a coltivare la solitudine e a governarne la magni cenza. (…) In ogni tabellone abitano uno o più personaggi che parlano, si agitano, sgambettano carichi dei fatti propri e di quelli degli altri, a volte accaduti in tempi remotissimi ma nella sostanza sempre attuali, pronti a ripetersi nel futuro con ricorrente frequenza, con identica intensità. Tutto è contemporaneo. Sotto il sole non c’è mai nulla di nuovo. Non ci sono barbari nuovi, non ci sono profeti diversi. Le parole e le frasi in corsivo, di cui non è citata la fonte, fanno parte di una miscellanea attinta dal pozzo dei ricordi (ascolti, letture, colloqui).

Un affascinante viaggio nelle parole e nelle emozioni evocate da una mente capace di sfuggire alle insane prigioni di una rigida razionalità.
Il Giancarlo Rossini che ha avuto ruoli direttivi per la Regione Toscana nei settori della Programmazione, Agricoltura, Sanità, nasconde un altro Giancarlo Rossini artista eclettico e anticonvenzionale. Pittore, scrittore,
poeta, Rossini naviga da esperto nocchiero nel mare magnum della memoria, della letteratura classica, della storia per dar vita a solo all’apparenza paradossali storie che intrigano e imprigionano il lettore in un crescendo di emozioni che sembrano non averne.

NORDICHE
Elena Salibra

Elena Salibra è stata una sostenitrice convinta e attiva della Fondazione Arpa, diffondendone la conoscenza e impegnandosi a realizzarne gli obiettivi. Alla sua memoria la Fondazione Arpa, nell’ambito del progetto Hope, istituirà una borsa di studio devoluta alla formazione sanitaria di giovani medici di paesi disagiati, affinché la loro qualificazione professionale possa diventare strumento di benessere nei paesi di origine, ove i medici formati tornano per fornire servizi sanitari di eccellenza. Per questo, il presente volume, in memoria di Elena, si onora di avere il patrocinio della fondazione Arpa i cui ideali sostanziano i valori umani più profondi che la poesia ricerca e trasmette in una delle forme più alte di espressione dello spirito.

TRAPIANTI
Enzo Cei

L’accensione di un’idea, a volte, è condivisione con la persona che hai di fronte.
Così, seguendo il flusso della curiosità intorno alla donazione e al trapianto d’organi con il professor Franco Mosca, ideatore della Fondazione Arpa per la promozione della ricerca medica e della cultura della donazione, ho sentito ancora una volta la fotografia richiamata alla sua funzione per me primaria: documentare puntualmente attraverso l’anonima cronaca del quotidiano.

In questo caso, accompagnando le storie di chi ripone oggi nel trapianto l’unica possibilità di vivere o di rendere la vita più accettabile. Di qui, gli oltre tre anni con medici e infermieri a seguire prelievi ovunque vi sia un donatore, nelle rianimazioni, nelle sale operatorie e di terapia intensiva, nelle corsie, corridoi e ambulatori, fin nelle stesse case dei pazienti, a respirare certa attesa e nodi emotivi. E anche dopo l’intervento, nei loro ritorni ad una vita, restituita dalla libertà di poter scegliere.

I perché, se esiste un perché dove lo spirito abita la materia, mi auguro siano suggeriti, semmai, dentro qualche domanda che a volte certe fotografie lasciano passare.

NEL RICORDO DI ALLIEVI, COLLABORATORI, COLLEGHI, AMICI, ESTIMATORI E FAMIGLIARI
Mario Campa

Questo libro nasce con la ferma convinzione che sia necessario proporre alle generazioni che verranno i Valori fondanti la Società Civile, espressi da Personalità straordinarie ed esemplari per umanità, integrità, onestà intellettuale, disponibilità disinteressata verso tutti, dedizione al bene comune.

Mario Campa ha incarnato incessantemente questi valori ma trovare la giusta chiave per rappresentarli in un’unica opera non era un problema di facile soluzione.

Il curatore, chiamato ad assolvere un così grave compito, ha scelto di dar vita ad un’opera del tutto particolare scegliendo di chiedere a centinaia di amici, colleghi e famigliari di portare la loro testimonianza.

Il risultato è un quadro d’insieme molto originale e “intimo” dove si si riesce a dare evidenza non solo delle straordinarie doti in campo accademico ma anche, e soprattutto, di quelle umane.

IL DOLORE E LA SUA TERAPIA NELLA MEDICINA OCCIDENTALE
Gianfranco Natale e Alberto Zampieri

Il dolore è sempre stato uno dei problemi più importanti della medicina. Nonostante la scoperta degli anestetici e l’introduzione dei farmaci antidolorifici steroidei e non steroidei, il trattamento della sofferenza fisica rimane ancora oggi una meta lontana, soprattutto in campo oncologico.

Questo libro racconta la storia del dolore nella medicina occidentale, partendo dall’antichità fino alla metà dell’Ottocento. Oltre a fornire curiosi e interessanti approfondimenti etimologici, questo primo volume documenta i periodi preistorico, greco e romano, per giungere al medioevo, con le tradizioni mediche monastiche, bizantine e arabe, e la nascita della scuola medica salernitana e delle prime università. Sono esaminate le scuole e le principali figure che hanno contribuito alla conoscenza e alla caratterizzazione del dolore e del suo trattamento.

Una ricca iconografia accompagna il testo, con l’intento di documentare più compiutamente la ricerca svolta. Ritratti di celebri personaggi, frontespizi di libri antichi, piante medicinali, strumenti e apparecchiature mediche aiutano a comprendere meglio il lungo cammino del progresso umano nel tentativo di dominare e sconfiggere la sofferenza fisica. Il lavoro è stato condotto consultando la letteratura scientifica sull’argomento e numerose opere originali.

A cura di Franco Mosca – Introduzione di Andrea Bocelli.

IL MEDICO OSSERVA
Antonio Cambi

Su iniziativa dell’Associazione Ex Allievi della Scuola Superiore Sant’Anna e della Fondazione Arpa, il libro è edito dalla Casa Editrice Ibiskos Ulivieri di Empoli e raccoglie 32 articoli che Antonio Cambi, medico, ha pubblicato sulla “Ballata”, nel corso della decennale collaborazione con la rivista, edita dallo stessa casa editrice del libro.

Diritto di asilo e protezione internazionale
Francesca Biondi Dal Monte e Margherita Melillo

La “Primavera araba” e i flussi migratori che ne sono seguiti sono stati un’occasione per verificare il sistema di accoglienza dei richiedenti asilo in Italia, le risposte offerte dalle istituzioni, le condizioni in cui hanno vissuto e vivono oggi i richiedenti/titolari di protezione internazionale. Come affermato da Christopher Hein, le lezioni imparate durante gli oltre due anni di gestione della cosiddetta “Emergenza Nord Africa” comprendono chiaramente la convinzione, ormai sempre più diffusa, che non si possa considerare l’arrivo e la presenza di queste persone in termini emergenziali. Questo Volume vuole quindi offrire uno spunto di riflessione per le istituzioni a tutti i livelli di governo, affinché l’accoglienza e l’integrazione di questa particolare categoria di migranti sia posta al centro di interventi e politiche di ampio respiro, che siano in grado di migliorare l’efficienza del sistema di accoglienza italiano. Dal momento che parlare di protezione internazionale vuol dire anche parlare dei territori – “perché è sui territori che si gioca la partita dell’accoglienza e dell’integrazione”, come scrive la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini – questo Volume analizza il sistema di accoglienza italiano a partire dalle storie degli stessi richiedenti asilo, presenti principalmente sul territorio toscano, quale punto di vista ineludibile per comprendere le criticità del sistema e rilanciare, su basi più scientifiche e fattuali, il dibattito ed il confronto politico su tale tema.

Con i contributi di: Laura Angeletti; Francesca Anghileri; Marco Argentini; Francesca Biondi Dal Monte; Ilaria Boiano; Laura Boldrini; Andrea Callaioli; Francesco Cerri; Elisa Chieregato; Antonio Davola; Baldassare Ferro; Andrea de Guttry; Christopher Hein; Marco Iannella; Leandro Mancano; Margherita Melillo; Federica Merenda; Franco Mosca; Paola Pannia; Giovanni Poggiani; Carlotta Redi; Irene Segati, Carmine Luca Volino; Massimiliano Vrenna.

Il Volume è stato realizzato con il finanziamento della Fondazione Arpa, nata da una iniziativa del Prof. Franco Mosca, Direttore della Divisione di Chirurgia generale e Trapianti dell’Università di Pisa, per promuovere la ricerca e la formazione nei vari campi della Sanità. Per Arpa, informare sui progressi della medicina e sensibilizzare il pubblico sul tema e sull’importanza della solidarietà, non solo riveste un ruolo importante che accompagna la sua attività, ma rappresenta anche un dovere nei confronti di tutti. Il maestro Andrea Bocelli è Presidente onorario di Arpa.