2015 – Progetto Palestina – IN RICORDO DI GINO NUNES

La Palestina è un territorio che, per le note problematiche derivanti dal conflitto con Israele, è gravemente afflitto da carenza di risorse e conseguentemente di servizi fondamentali come quello sanitario.

Un altro progetto per la formazione di un medico per la chirurgia mini-invasiva a favore della Striscia di Gaza in collaborazione con i cardiochirurghi pisani è in atto per ricordare un amico della Fondazione, Gino Nunes.

Gino Nunes, presidente della provincia di Pisa dal 1990 al 2004, poi dal 2006 al 2011 consigliere regionale del Pd, per la Provincia ha svolto anche ruoli di rilievo nazionale nell’Unione delle Provincie Italiane e in Tecla (rete di enti locali per la cooperazione transnazionale ed europea), guardando così all’Europa come una grande opportunità per i territori. Conserviamo di lui il ricordo di una grande umanità e sincerità nei rapporti personali, doti sempre più rare nella politica di questi giorni.

Gino Nunes era molto legato ai problemi palestinesi e proprio per questo la Fondazione ha fortemente voluto aprire un progetto in ricordo del suo nome.

Il Dr. Amin Abd Elmajed Qassem Khader, proveniente dall’ospedale di Tulkarem, è in questi giorni presso la Div. di Chirurgia Generale Universitaria dell’ospedale di Cisanello per uno stage di 3 mesi in chirurgia robotica e mini-invasiva.

Referente di questa parte del progetto Palestina è il Dr. Mario Meinero.

*****

GINO NUNES | 1941 – 2013

2015_Ricordo_GINO_NUNES-1

Ci siamo conosciuti all’Università, compagni di corso, Medicina e Chirurgia 1960, a Pisa.

Ottimo studente, serio e impegnato. Scelse di divenire Dermatologo, ma dopo pochi anni si dedicò totalmente alla Politica senza mezze misure. Non ci siamo mai persi di vista.

Era persona capace, schietta, leale ed onesta, apparentemente rude ma di profonda umanità, sempre pronta a dare un aiuto, un suggerimento, ad aprire una via.

Le iniziative che condivideva le faceva sue senza tentennamenti, esponendosi ed usando il suo peso e la sua credibilità di importante uomo politico.

Sapeva battersi con tenacia. L’ho visto all’opera: come fu nel portare a Pisa l’autorizzazione regionale al trapianto di fegato. Tra mille ostacoli Gino Nunes fu decisivo nello sbloccare a livello dei vertici politici regionali una situazione che si era fatta pesante nei confronti di Pisa.

Si occupò efficacemente di Cooperazione umanitaria per profonda ed appassionata convinzione: Senegal e Palestina principalmente.

2015_Ricordo_GINO_NUNES-2

Sempre vicino alle iniziative dell’Arpa la Fondazione lo ha ricordato istituendo a Suo Ricordo una borsa di studio a favore del chirurgo palestinese Amin Khader di Toulkadem a cui è stata data l’opportunità di uno stage formativo, ripetibile nei prossimi anni, in chirurgia mini-invasiva presso l’Ospedale di Pisa con il tutoraggio del Dr. Luca Morelli, consigliere di Arpa.

La selezione e l’individuazione dei medici da addestrare a Pisa con aggiornamenti formativi sono affidate da Arpa alla preziosa esperienza del Chirurgo Mario Meinero (dell’organizzazione AISPO Jerusalem), da anni attivo in Palestina e pragmatico conoscitore delle esigenze e priorità di quella disgraziata terra.

Ho avuto la ventura di assistere Gino nella malattia che l’ha portato a morte, fin dal suo primo esplosivo manifestarsi. Rifiutò la camera singola “di cortesia” e volle ricoverarsi in corsia con gli altri pazienti.

Non ha mai richiesto favoritismi o trattamenti speciali. Dignitosamente coerente. Esemplare.

L’ho apprezzato come studente, medico, politico.

Grazie Gino, amico indimenticabile

Franco

Gino Nunes con Franco Mosca all’inaugurazione della “Statua della Donazione” (opera di Franco Tarabella, trapiantato di fegato a Pisa) nel Parco dell’Ospedale di Cisanello, 16 aprile 2000